Home  › Amministratori e organi

Via dal 26 marzo al Master in Management politico

di Dino Pesole

Un antidoto al crescente sentimento di anti-politica e anti-casta, per affermare con decisione che di buona politica abbiamo sempre più bisogno

Politica, istituzioni e governance pubblica. La nuova edizione del Master organizzato dalla 24 Ore Business School in collaborazione con Iul(Italian University Line) prenderà avvio il prossimo 26 marzo con una proposta formativa che si colloca in continuità con le precedenti cinque edizioni del Master in Management politico. Obiettivo, puntare sulla formazione, sulla specializzazione nella convinzione che accrescere il bagaglio delle conoscenze in questo fondamentale ambito della nostra vita pubblica sia il prerequisito indispensabile per orientarsi all’interno di un contesto storico e politico attraversato da molteplici e spesso contrastanti spinte e da pulsioni che richiedono di essere interpretate e ben governate.

Un antidoto contro l’anti-politica
E lo è non solo per far fronte al crescente sentimento di anti-politica e anti-casta che caratterizza ampi settori dell’opinione pubblica, ma per affermare con decisione che di buona politica abbiamo sempre più bisogno. Occorre dunque avere piena consapevolezza delle regole che attengono al funzionamento delle istituzioni, allargando lo spettro dell’analisi alle buone pratiche amministrative e alle politiche europee e di bilancio.

Insegnare buona politica
Insegnare la buona politica vuol dire partire dalla premessa che solo un’accurata preparazione su tutti i temi che attengono alla vita istituzionale e politica del Paese possa contribuire a formare la classe dirigente del futuro e aprire al tempo stesso la strada a scelte di lungo periodo. Una politica fatta di contenuti, che ben al di la delle polemiche e delle contrapposizioni tra i diversi schieramenti guardi prima di tutto alla concreta realizzazione dei programmi e delle scelte che si mettono in campo. Una sorta di fact-checking che chiami direttamente in causa le distanze che spesso si registrano tra le promesse delle varie campagne elettorali e il faticoso esercizio dell’attività di governo, a qualsivoglia livello la si eserciti.

Formare operatori politici
Partendo da queste premesse, consolidate e accresciute in tutte le precedenti edizioni, il Master punta a formare operatori politici dotati delle necessarie competenze per svolgere la loro attività all’interno del sistema politico italiano. Di primaria importanza è il bagaglio di conoscenze e competenze, quella che potremmo definire una sorta di “cassetta degli attrezzi”, per fare della buona politica, a tutti i livelli: nazionale, locale e territoriale. Lo è soprattutto in questa complessa fase della nostra storia politica e istituzionale, in una legislatura che fin dal suo esordio si è caratterizzata per diversi elementi di discontinuità rispetto agli assetti ed equilibri politici che avevano dominato la scena negli ultimi decenni.

Elevare il livello di competenze
Le scelte politiche adottate sul fronte economico e sociale prima dal governo formato dal Movimento cinque stelle e dalla Lega, e successivamente dal governo sostenuto dal M5S e dal Pd (oltre che da Italia Viva e da Leu), le proposte in itinere sul versante istituzionale e delle regole che governano il sistema elettorale, impongono ancor più a quanti già operano all’interno delle istituzioni e a quanti aspirino ad intraprendere un'attività all'interno dell’articolato mondo della politica di elevare il proprio livello di conoscenze e competenze. É la strada maestra per valutare con spirito consapevole e senza pregiudizi, anche dal punto di vista della comunicazione politica, le scelte che vengono proposte al Parlamento e al Paese, sia sul versante economico che su quello delle politiche sociali. La formazione resta l’atout fondamentale.

La borsa di studio dedicata a Fabrizio Forquet
Le sfide imposte dalla rivoluzione digitale e dalla globalizzazione richiedono maggiori e crescenti livelli di competenza e preparazione. In linea con il “marchio di fabbrica” del Sole 24 Ore che è appunto quello delle competenze, dell’approfondimento e della divulgazione delle materie che contribuiscono a formare un buon cittadino e buon politico. Con questo metodo, il Master intende formare una generazione di politici più attenta e preparata. É anche il giusto e doveroso tributo a Fabrizio Forquet, vice direttore del Sole24Ore prematuramente scomparso il 2 aprile del 2016, appassionato e lungimirante animatore delle prime edizioni del Master, cui è dedicata una borsa di studio.

Master in formula part time
Il Master si svolge a Roma in formula part time ed è diviso in tre grandi aree tematiche: istituzioni, politiche (europee, pubbliche e di bilancio) e politica. È strutturato in undici moduli, ognuno dei quali focalizzato su una specifica tematica. Ai moduli contribuiscono docenti universitari, professionisti della politica con esperienza diretta di governo, leader politici, funzionari pubblici, giornalisti, organizzatori di campagne elettorali e della comunicazione politica, esponenti di movimenti sociali e organizzazioni non governative. I moduli prevedono una partecipazione attiva dei frequentanti del Master, anche grazie alla sperimentazione di innovative tecniche didattiche. I partecipanti sono posti nelle condizioni di assumere particolari ruoli politici, di avanzare proposte o strutturare memo da sottoporre a decisori pubblici, di acquisire le necessarie tecniche del processo politico, dal drafting legislativo all'organizzazione di una campagna elettorale. Il Master è organizzato in modo tale da consentire la partecipazione ai moduli anche per quanti svolgono un'attività occupazionale.

Le borse di studio
Per il Master 24Ore Business School mette a disposizione 2 borse di studio a copertura totale della quota di partecipazione e 4 borse di studio a copertura parziale. Le borse di studio sono riservate ai candidati risultati più meritevoli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA