Home  › Fisco e contabilità

Consolidato, le nuove linee guida della Corte dei conti e lo schema di relazione Ancrel

di Fabio Federici (*) - Rubrica a cura di Ancrel

Col volgere al termine del periodo estivo gli enti locali si apprestano a ultimare il processo di elaborazione dei prospetti di bilancio consolidato relativi al 2018 da sottoporre entro il prossimo settembre all'approvazione dei rispettivi organi consiliari. Una volta predisposto, lo schema di bilancio consolidato deve essere messo a disposizione dell'organo di revisione dell'ente che deve predisporre la propria relazione in tempo utile per consentirne il deposito in consiglio unitamente al bilancio ed alla relativa proposta di delibera.
In questo contesto non possono non assumere un carattere di forte punto di riferimento le Linee guida per gli organi di revisione economico finanziaria degli enti territoriali sul bilancio consolidato 2018, approvate con deliberazione n. 18/2019 dalla Sezione Autonomie della Corte dei conti, unitamente al relativo modello di questionario ed alla correlata nota metodologica.

Il documento
Le linee guida approvate rappresentano il primo organico orientamento deliberato dalla Corte dei conti con riferimento al bilancio consolidato e rispecchiano il chiaro intendimento della stessa Corte di garantire l'uniformità dei comportamenti che i revisori sono tenuti a seguire in materia di bilancio consolidato in occasione della predisposizione dello specifico parere.
Nelle linee guida e nel connesso questionario si propone una forte formalizzazione di tutte le attività, che, in ossequio alle indicazioni fornite nel principio contabile applicato relativo al bilancio consolidato, allegato n. 4/4 al Dlgs n. 118/2011, sottendono a un'ordinata elaborazione del bilancio consolidato e dei relativi allegati. Di fatto l'organo di revisione viene promosso a custode della correttezza formale e sostanziale delle attività preliminari e delle procedure di elaborazione del bilancio consolidato poste in essere dagli enti.
Appare altresì logico presumere che le indicazioni delle linee guida, unitamente al tenore dei quesiti contenuti nel modello di questionario, siano destinati a costituire per le amministrazioni interessate un valido parametro di riferimento sia nella gestione delle operazioni propedeutiche per un corretto consolidamento dei diversi soggetti ascrivibili al gruppo amministrazione pubblica, sia in relazione al contenuto informativo dei prospetti allegati al bilancio. Ciò costituisce il principale contenuto innovativo delle linee guida che necessariamente influenzerà anche il contenuto degli allegati al bilancio consolidato.

Pa ed enti del consolidato
Per i soggetti appartenenti al gruppo amministrazione pubblica e al perimetro di consolidamento occorrerà pertanto raccogliere ed indicare informazioni aggiuntive, non richieste esplicitamente dal principio contabile applicato relativo al bilancio consolidato allegato n. 4/4 al Dlgs n. 118/2011 (per esempio il codice fiscale, la partita iva, la classificazione del soggetto quale ente in house ovvero di ente affidatario diretto di servizio pubblico). Allo stesso tempo viene inserita anche la richiesta nella Sezione V del questionario di esplicazione in nota integrativa delle eventuali differenze di annullamento positive o negative e del loro trattamento contabile.
Nelle linee guida ritroviamo poi chiare indicazioni sulle attività e sui comportamenti che gli enti devono assumere al verificarsi di evenienze non esplicitamente richiamate nel principio contabile, quali per esempio il verificarsi di discordanze fra l'asseverazione e la verifica delle operazioni infragruppo (nel caso in specie, elencazione in nota integrativa delle differenze e delle modalità tecnico-contabili di riallineamento).

Il documento Ancrel
All'indomani della pubblicazione della deliberazione n. 18/2019 l'Ancrel ha così deciso di aggiornare e di mettere a disposizione dei suoi associati il tradizionale schema di relazione dell'organo di revisione al bilancio consolidato per l'esercizio 2018.
Si sottolinea l'indubbia utilità professionale del documento che si mostra perfettamente allineato sia con le linee guida e gli annessi allegati di modello di questionario e di nota metodologica approvati con la deliberazione n. 18/2019 della Sezione Autonomie della Corte dei conti, sia con le indicazioni operative estrapolate dal «Rapporto sul coordinamento della finanza pubblica della Regione Friuli Venezia Giulia» 11 aprile 2019 – Sezione regionale di controllo della Corte dei conti del Friuli Venezia Giulia».
Il documento di Ancrel è scaricabile dall'aerea riservata del sito www.ancrel.it .

(*) Ancrel Romagna


© RIPRODUZIONE RISERVATA